Ue - Ambiente

Sicurezza chimica: le norme UE assicurano livelli di protezione elevati dei cittadini e dell’ambiente

Sharing is caring!

chemicals_euIeri la Commissione europea ha pubblicato il riesame del quadro legislativo dell’UE sulle sostanze chimiche, che ha riguardato circa 40 atti legislativi settoriali dell’UE sui prodotti chimici, tra cui norme specifiche sulle sostanze chimiche rilevate nei pesticidi e nei cosmetici, e norme sull’etichettatura, la classificazione e l’imballaggio dei prodotti chimici.

La relazione, che integra il riesame 2018 del regolamento REACH dell’UE, conferma che le norme in vigore garantiscono un livello di protezione elevato dei cittadini e dell’ambiente contro le sostanze chimiche nocive e contribuiscono al funzionamento efficace del mercato unico.

L’UE dispone di uno dei quadri giuridici più completi al mondo, che costituisce un punto di riferimento mondiale per la gestione del rischio chimico. L’UE ha già notevolmente ridimensionato l’esposizione dei cittadini alle sostanze chimiche nocive vietandone o limitandone l’uso e si adopera incessantemente per ridurre il rischio che rappresentano. La legislazione dell’UE sulle sostanze chimiche è stata determinante anche per garantire la libera circolazione delle sostanze, delle miscele e dei prodotti grazie all’armonizzazione delle norme e dei requisiti.

La relazione individua anche spazi di miglioramento relativamente all’attuazione e all’applicazione delle norme, tra cui la necessità di semplificare e razionalizzare le procedure di valutazione dei rischi dei pericoli, di fornire ai consumatori informazioni più chiare e di sostenere l’attuazione della legislazione da parte degli Stati membri. I risultati della relazione saranno discussi il 27 e 28 giugno prossimi in una conferenza di alto livello sulla “politica dell’UE in materia di sostanze chimiche per il 2030”. Il dibattito darà un contributo prezioso alla definizione di una visione comune a lungo termine e degli obiettivi della politica dell’UE in materia di sostanze chimiche, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile e con la nuova agenda strategica 2019-2024 per costruire un’Europa a impatto climatico zero, ecologica, equa e sociale.

La relazione completa è disponibile qui.

La Commissione e l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) stanno anche intervenendo per assicurare che i fascicoli di registrazione nel quadro di REACH soddisfino i requisiti normativi dell’UE. Il nuovo piano d’azioneavviato ieri prevede un aumento significativo del numero di controlli di conformità effettuati sui fascicoli di registrazione.

Ulteriori informazioni sono disponibili online.

seguici e metti mi piace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *