Ue - Ambiente

L’UE, il Canada e la Cina convocano la terza riunione ministeriale sull’azione per il clima

Sharing is caring!

clima_news

Domani l’UE, il Canada e la Cina convocheranno a Bruxelles la terza riunione ministeriale sull’azione per il clima. Il Commissario per l’Azione per il clima e l’energia, Miguel Arias Cañete, la Ministra canadese dell’Ambiente e dei cambiamenti climatici, Catherine McKenna, e il Rappresentante speciale per i cambiamenti climatici della Cina, Xie Zhenhua, copresiederanno la riunione dei Ministri e dei rappresentanti di alto livello di oltre 30 paesi, compresi i Ministri del G20 e i presidenti dei principali gruppi delle parti dei negoziati sul clima dell’ONU.

La terza edizione della riunione ministeriale sull’azione per il clima affronterà la questione dell’attuazione più ampia dell’accordo di Parigi nel contesto post Katowice. L’incontro non sarà un ulteriore dialogo esclusivo tra Ministri, ma cercherà di favorire gli scambi tra partner provenienti da contesti diversi, compresi rappresentanti di alto livello delle imprese, dell’industria, degli investitori, del mondo scientifico, delle organizzazioni che si occupano di diritti e delle organizzazioni di esperti.

Dall’adozione dell’accordo di Parigi nel 2015 e del corpus di norme di Katowice lo scorso anno, l’attenzione della politica si sta spostando dai negoziati dell’UNFCCC verso un’attuazione più ambiziosa, necessaria per l’ammodernamento delle economie. L’attuazione efficace dell’accordo di Parigi richiede un dibattito aperto e franco tra politici e professionisti, che tenga conto del punto di vista dell’industria, del settore finanziario, degli investitori, degli assicuratori, della società civile, delle organizzazioni di esperti e dei cittadini. L’UE si impegna a continuare a dare l’esempio nella transizione verso un’economia a impatto climatico zero entro il 2050, come proposto nella strategia della Commissione. L’UE ha predisposto un quadro legislativo completo e ambizioso da attuare entro il 2050 e la grande maggioranza degli Stati membri ha abbracciato questo approccio la settimana scorsa.

L’UE si è dotata di un quadro legislativo completo e ambizioso per ridurre le emissioni del 40% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e la scorsa settimana la Commissione ha pubblicato la valutazione dei primissimi piani nazionali integrati per l’energia e il clima, concepiti per recepire negli ordinamenti nazionali gli impregni presi nell’accordo di Parigi. Se da un lato possiamo essere fieri dei progressi compiuti a livello di UE, è evidente che la sfida dei cambiamenti climatici può essere vinta solo lavorando fianco a fianco con i partner internazionali e queste riunioni ministeriali, convocate congiuntamente con altre due importanti economie, sono la piattaforma ideale per scambiarsi buone pratiche e dare l’esempio.

seguici e metti mi piace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *