Ue - Cittadini

La Commissione invita i servizi di streaming, gli operatori delle telecomunicazioni e gli utenti a prevenire la congestione della rete

Sharing is caring!

connessione internet

 

 

A causa delle misure di allontanamento sociale attuate in tutta Europa per combattere la pandemia di coronavirus, la domanda di capacità della rete è aumentata, per il telelavoro, la teledidattica e l’intrattenimento. Ciò potrebbe mettere a dura prova le reti in un momento in cui devono essere operative ai massimi livelli.

 

 

 

Per prevenire la congestione e garantire una rete aperta, il Commissario per il Mercato interno Thierry Breton ha fatto appello alla responsabilità dei servizi di streaming, degli operatori delle telecomunicazioni e degli utenti.

Le piattaforme di streaming sono invitate ad offrire una definizione standard anziché un’alta definizione e a collaborare con gli operatori del settore delle telecomunicazioni, che a loro volta dovrebbero adottare misure preventive e di attenuazione. Gli utenti sono invece invitati ad usare impostazioni che riducano il consumo di dati, compreso l’uso del Wi-Fi o una minore risoluzione dei contenuti.

Ieri a seguito di una telefonata con l’amministratore delegato del fornitore di streaming Netflix, Reed Hastings, il Commissario Breton ha dichiarato: “L’Europa e il mondo intero stanno vivendo una situazione senza precedenti. I governi hanno adottato misure per ridurre le interazioni sociali al fine di contenere la diffusione del Covid-19 e per incoraggiare il telelavoro e la teledidattica. Le piattaforme di streaming, gli operatori del settore delle telecomunicazioni e gli utenti hanno la responsabilità comune di adottare misure per garantire il corretto funzionamento di Internet nella battaglia contro la propagazione del virus.”

Gli operatori dell’UE sottolineano che la domanda di connettività è aumentata. Sebbene finora questo aumento non abbia determinato una congestione generalizzata della rete, a titolo precauzionale, la Commissione e l’organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) stanno discutendo l’istituzione di un meccanismo speciale di segnalazione per monitorare la situazione del traffico Internet in ciascuno Stato membro e poter reagire ad eventuali problemi di capacità. Più in generale, l’attuale situazione sottolinea l’importanza di continuare ad investire nelle reti per raggiungere gli obiettivi della società dei Gigabit per il 2025, in particolare grazie alle reti 5G e in fibra ottica.

 

 

 

 

seguici e metti mi piace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *