Ue - Cittadini

La Presidente von der Leyen riceve il premio Imperatrice Teofano per il programma Erasmus

Sharing is caring!

Presidente vdL_premio_teofano

 

 

 

Ieri sera la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha accettato il Premio Imperatrice Teofano, assegnato al programma Erasmus, nel corso di una cerimonia svoltasi presso la Rotonda di San Giorgio a Salonicco, in Grecia, alla quale ha partecipato in videoconferenza.

 

 

Il premio è assegnato a persone e organizzazioni che danno un contributo fondamentale all’approfondimento della cooperazione europea e al miglioramento della comprensione delle diverse interdipendenze storiche in Europa. Alla consegna del premio, la Presidente ha dichiarato di essere onorata di riceverlo “per i dieci milioni di europei che hanno partecipato al programma Erasmus dalla sua istituzione” e lo ha dedicato “agli studenti, agli insegnanti e ai sognatori che hanno reso possibile questo miracolo europeo“.

Nel suo discorso, la Presidente ha anche fatto un parallelismo tra il piano dell’UE per la ripresa e Erasmus+: “NextGenerationEU è in questo momento ciò che Erasmus è stato allora: un programma di dimensioni e con un ambito di applicazione senza precedenti, che può diventare il prossimo grande progetto unificatore della nostra Unione. Stiamo investendo insieme non solo in una ripresa collettiva, ma anche nel nostro futuro comune. La solidarietà, la fiducia e l’unità devono essere costruite e ricostruite a più riprese. Non so se NextGenerationEU potrà cambiare l’Europa così profondamente come ha fatto il programma Erasmus, ma so che ancora una volta l’Europa ha scelto di guidare e di costruire il suo futuro – insieme.”

Il discorso della Presidente è disponibile in inglese e in francese e si può rivedere qui. Tra il 2014 e il 2020 oltre 4 milioni di persone hanno avuto l’opportunità di studiare, formarsi e acquisire esperienze all’estero grazie al programma Erasmus+. Maggiori informazioni sul programma Erasmus sono disponibili qui.

seguici e metti mi piace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *