Ue - Cittadini

Aiuti di Stato: la Commissione approva la compensazione statale concessa dall’Italia a Poste Italiane per il suo obbligo di servizio postale universale

Sharing is caring!

logo poste italiane

 

 

 

La Commissione europea ha concluso che la compensazione concessa dall’Italia a Poste Italiane per l’adempimento del suo obbligo di servizio pubblico (“obbligo di servizio universale” o OSU) nel periodo 2020-2024 è in linea con le norme UE in materia di aiuti di Stato.

 

 

 

Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutiva responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato: “L’accesso ai servizi postali è essenziale per tutti i cittadini e le imprese europei. La decisione odierna consente a Poste Italiane di continuare a fornire servizi postali di base su tutto il territorio italiano a prezzi accessibili, senza falsare indebitamente la concorrenza.

Nell’ottobre 2020 l’Italia ha comunicato alla Commissione l’intenzione di compensare Poste Italiane con 1,3 miliardi di € per l’adempimento dell’obbligo di servizio postale universale nel periodo 2020-2024, con una compensazione massima annua di 262 milioni di €. Quest’obbligo comprende la prestazione di servizi postali di base in tutto il paese a prezzi abbordabili e nel rispetto di certi requisiti minimi di qualità.

La Commissione ha esaminato la misura ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato relative alla compensazione degli obblighi di servizio pubblico. Conformemente a tali norme, gli Stati membri possono concedere aiuti di Stato alle imprese per compensare i costi supplementari derivanti dall’adempimento di un obbligo di servizio pubblico, a determinate condizioni. Ciò richiede, in particolare, che le imprese incaricate di tali servizi non ricevano una compensazione eccessiva. Evitando una compensazione eccessiva si riduce al minimo il rischio di distorsioni della concorrenza e si garantisce un uso efficiente delle risorse pubbliche.

Al fine di rispettare le norme dell’UE in materia di aiuti di Stato, l’Italia ha presentato informazioni pertinenti per calcolare il costo evitato netto del servizio postale universale. Inoltre, l’Italia ha svolto un sondaggio presso i clienti in merito all’impatto della sospensione delle attività postali di Poste Italiane (comprese quelle rientranti nell’obbligo di servizio universale) in uno scenario alternativo in cui Poste Italiane non avrebbe ricevuto l’aiuto (il cosiddetto “scenario controfattuale”). Le informazioni fornite dall’Italia hanno consentito alla Commissione di escludere qualsiasi rischio di compensazione eccessiva.

Sulla base di tali elementi, la Commissione ha concluso che la misura è conforme alle norme dell’UE sugli aiuti di Stato.

Contesto

Poste Italiane è il principale operatore postale in Italia e dal 1999 deve adempiere all’obbligo di servizio postale universale per l’intero territorio nazionale.

Nel 2019 contava 125 894 dipendenti equivalenti a tempo pieno e 12 809 uffici postali e aveva un fatturato di 9 403 milioni di €. Oltre a garantire i servizi postali di base, Poste Italiane offre prodotti integrati e servizi di comunicazione, logistici e finanziari su tutto il territorio nazionale. Poste Italiane è stata privatizzata in parte nel 2015: il 27 ottobre 2015 il 38,2 % delle quote di Poste Italiane ha iniziato ad essere negoziato alla borsa di Milano, mentre lo Stato ha conservato il rimanente 61,8 %.

La Commissione europea aveva concluso in precedenza che il finanziamento pubblico concesso dall’Italia a Poste Italiane per l’adempimento del suo obbligo di servizio pubblico nei periodi 2012-2015 e 2016-2019 era in linea con le norme UE in materia di aiuti di Stato.

Il mercato italiano del servizio postale è completamente liberalizzato dal 2011 conformemente alla direttiva postale e, pur appartenendo alla pubblica amministrazione, Poste Italiane opera ora in piena concorrenza con altri fornitori di servizi postali pertinenti. In sostanza, l’obbligo di servizio universale riguarda la consegna di lettere e pacchi (fino a un certo peso) su tutto il territorio italiano, almeno 5 giorni a settimana, a prezzi accessibili.

Nel luglio 2019 la Commissione europea ha approvato, ai sensi delle norme UE in materia di aiuti di Stato, una compensazione di servizio pubblico di 171,74 milioni di € concessa dall’Italia a Poste Italiane per la distribuzione, a tariffe ridotte, della stampa e delle pubblicazioni di editori e di organizzazioni senza scopo di lucro nel periodo 2017-2019.

Per maggiori informazioni

La versione non riservata della decisione sarà consultabile sotto il numero SA.55270 nel Registro degli aiuti di Stato, sul sito internet della DG Concorrenza, una volta risolte eventuali questioni di riservatezza.

seguici e metti mi piace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *