Il Commissario Navracsics partecipa alla conferenza UE sulla gioventù

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani

Navracsics

 

 

  Domani Tibor Navracsics, Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani   e lo sport, sarà in Finlandia per discutere delle prospettive future   dell’istruzione e della formazione dei giovani lavoratori alla sessione di   chiusura della conferenza sulla gioventù di Helsinki, organizzata dalla   Commissione europea.

 

In un dibattito con i giovani in presenza della Ministra della Scienza e della cultura finlandese Annika Saarikko, il Commissario sottolineerà il ruolo dell’animazione socioeducativa per l’emancipazione dei giovani e il valore del raggiungimento di una visione condivisa di che cosa significa animazione socioeducativa di qualità.

Il Commissario Navracsics ha dichiarato: “L’animazione socioeducativa deve evolversi a pari passo con i cambiamenti delle nostre società e dei bisogni e delle esperienze dei giovani. Il suo ruolo è importante per dare ai giovani le competenze di cui hanno bisogno, ed è uno strumento particolarmente valido per raggiungere i giovani isolati. Per questo l’abbiamo posta al centro della nuova strategia dell’UE per la gioventù. Lavoreremo con gli Stati membri per promuovere, ad esempio, l’istruzione e la formazione degli animatori socioeducativi e continueremo a sostenerne la mobilità grazie al programma Erasmus.”
I risultati del dibattito saranno incorporati nelle prossime conclusioni del Consiglio sull’istruzione e la formazione degli animatori socioeducativi e nel 7° ciclo del dialogo dell’UE con i giovani. “Creare opportunità per i giovani” è una priorità tematica dell’attuale trio di presidenza (Romania-Finlandia-Croazia) e la presidenza finlandese del Consiglio è particolarmente impegnata a favore di un’”animazione socioeducativa di qualità per tutti”. La Commissione ha già proposto un’agenda strategica per l’animazione socioeducativa, che è stata inserita nel piano di lavoro triennale del Consiglio.

seguici e metti mi piace

Spazio europeo dell’istruzione: selezionate le prime 17 “Università europee”

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani

european_universities

 

 

  Oggi la Commissione europea ha annunciato i nomi degli istituti di istruzione   superiore di tutta Europa che faranno parte delle prime alleanze di “università   europee”.

  Sulla base di una valutazione effettuata da 26 esperti esterni indipendenti   nominati dalla Commissione, tra cui rettori, docenti e ricercatori, sono state   selezionate, tra le 54 candidature ricevute, 17 “università europee” cui   partecipano 114 istituti di istruzione superiore di 24 Stati membri.

Tibor Navracsics, Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, ha dichiarato: “Sono lieto di constatare l’ambizione mostrata dalle prime 17 università europee, che costituiranno modelli di riferimento per le altre in tutta l’UE, consentendo alle prossime generazioni di studenti di vivere in prima persona l’Europa studiando in diversi paesi. Sono convinto che l’iniziativa, un elemento portante dello spazio europeo dell’istruzione, costituirà un vero e proprio punto di svolta per l’istruzione superiore in Europa, stimolando l’eccellenza e l’inclusione.”

Le “università europee” sono alleanze transnazionali di istituti di istruzione superiore di tutta l’UE che condividono una strategia a lungo termine e promuovono i valori e l’identità europei. Scopo dell’iniziativa è rafforzare in modo significativo la mobilità degli studenti e del personale e promuovere la qualità, l’inclusività e la competitività dell’istruzione superiore europea.

Per le prime 17 “Università europee” è stato stanziato un bilancio complessivo che potrà raggiungere gli 85 milioni di euro. Ogni alleanza riceverà nei prossimi tre anni fino a 5 milioni di euro per avviare l’attuazione dei rispettivi programmi.

Il testo integrale del comunicato stampa e una scheda informativa sono disponibili online.

seguici e metti mi piace

La Commissione celebra il 30º anniversario delle attività Jean Monnet per la promozione degli studi europei a livello mondiale

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani

jean_monnet

Tibor Navracsics, Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, ha organizzato un evento ad alto livello in data odierna per celebrare 30 anni di eccellenza nell’insegnamento e nella ricerca sull’UE. Le attività Jean Monnet fanno parte del programma Erasmus + e si occupano di promuovere in tutto il mondo l’eccellenza negli studi europei a livello di istruzione superiore e di mettere in contatto esponenti del mondo accademico, ricercatori e responsabili politici.

Tra il 1989 e il 2019, le attività Jean Monnet  hanno fornito sostegno a oltre 1 000 università in circa 100 paesi, consentendo loro di offrire corsi dedicati agli studi europei nell’ambito dei loro programmi di studio. Attualmente ne beneficiano 300 000 studenti l’anno. (altro…)
seguici e metti mi piace

L’Unione europea celebra la Giornata mondiale contro il lavoro minorile

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani

Giornata mondiale contro il lavoro minorile-poster

 

  In occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, che si celebra   domani 12 giugno, l’Alta rappresentante e la Commissione europea hanno   rilasciato la seguente dichiarazione: “Attualmente, secondo le stime, 152   milioni di bambini sono vittime del lavoro minorile in tutto il mondo. A questi   152 milioni di bambini è negato il diritto di accedere all’istruzione e a un   ambiente di vita sicuro. In occasione della Giornata mondiale contro il lavoro   minorile, l’Unione europea […] ribadisce il suo impegno forte a garantire i   diritti umani fondamentali di ogni bambino […].

 

Quest’anno, in occasione del 30° anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo, […] la necessità di ottenere maggiori risultati lungo il percorso che porta all’eliminazione del lavoro minorile è ancora più evidente. Dare priorità alla lotta contro il lavoro minorile in tutti i settori e le politiche pertinenti […] è fondamentale per raggiungere l’obiettivo fissato dalle Nazioni Unite per il 2025.

Operiamo utilizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione, dalla cooperazione allo sviluppo, ai dialoghi politici e sui diritti umani, alle politiche sociali e commerciali. Collaboriamo con i nostri partner dell’ONU, con le organizzazioni della società civile e il settore commerciale privato per sensibilizzare al problema e sviluppare strategie regionali per contrastare il lavoro minorile transfrontaliero.

Il nostro obiettivo generale è combattere tutte le forme di lavoro minorile lungo l’intera catena di approvvigionamento tramite iniziative come “Clear Cotton per l’eliminazione del lavoro minorile e del lavoro forzato nelle catene del valore del cotone, dei prodotti tessili e dell’abbigliamento”. […] Contribuiamo altresì alla protezione dei minori nei conflitti, anche in Siria e nello Yemen.

I nostri finanziamenti all’istruzione in situazioni di emergenze  sono in costante aumento e nel 2019 hanno raggiunto il 10% del bilancio per gli aiuti umanitari dell’UE. Sosteniamo i nostri partner che creano sistemi di protezione sociale di base e normative di qualità in materia di istruzione per contribuire ad abolire il lavoro minorile […].

L’UE continuerà ad impegnarsi nella lotta per i diritti dei minori in tutto il mondo al fine di costruire un presente e un futuro migliori per le giovani generazioni.”

Il testo integrale della dichiarazione è disponibile qui.

seguici e metti mi piace

DiscoverEU: altri 20.000 giovani esploreranno l’Europa

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani

Discover EU

Quasi 95 000 giovani si sono candidati per la terza edizione di questa nuova iniziativa dell’UE a favore dei giovani. Attualmente sono stati selezionati circa 20 000 diciottenni europei che riceveranno un biglietto DiscoverEU e potranno viaggiare per un massimo di 30 giorni tra il 1° agosto 2019 e il 31 gennaio 2020.

La terza edizione dell’iniziativa DiscoverEU ha suscitato l’interesse di quasi 95 000 giovani di tutti gli Stati membri dell’UE, che si sono candidati nel periodo di due settimane conclusosi il 16 maggio 2019. Sulla base deicriteri di aggiudicazione e della quota  fissata per ciascuno Stato membro dell’UE, sono stati selezionati circa 20 000 giovani. (altro…)

seguici e metti mi piace

Annunciati i vincitori del Premio dell’Unione europea per la letteratura 2019

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani

premio_ue_letteraturaIeri sera Tibor Navracsics, Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, e il Ministro della Cultura rumeno Valer-Daniel Breaz hanno annunciato i 14 vincitori dell’edizione 2019 del Premio dell’Unione europea per la letteratura(link is external),assegnato ogni anno ad autori nuovi ed emergenti. Il premio rende omaggio ai talenti letterari provenienti da tutti gli angoli d’Europa e dà risalto alla ricchezza della letteratura contemporanea europea e al ricco patrimonio culturale e linguistico del continente.

I 14 vincitori di quest’anno sono: Laura Fredenthaler (Austria), Piia Leino (Finlandia), Sophie Daull (Francia), Réka Mán-Várhegyi (Ungheria), Beqa Adamashvili (Georgia), Nikos Chryssos (Grecia), Jan Carson (Irlanda), Giovanni Dozzini (Italia), Daina Opolskaite (Lituania), Marta Dzido (Polonia), Tatiana Țîbuleac (Romania), Ivana Dobrakovová (Slovacchia), Halya Shyyan (Ucraina) e Melissa Harrison (Regno Unito). (altro…)

seguici e metti mi piace

EU MED means business’: gli imprenditori del vicinato meridionale definiscono le priorità di azione per stimolare la crescita e l’occupazione

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani

foto_about_the_conference

Circa 150 giovani imprenditori, esponenti di spicco dell’economia e promotori di cambiamento socioeconomico del vicinato meridionale dell’Europa hanno definito le loro priorità più urgenti all’indirizzo dei responsabili politici della regione e dell’UE per superare gli ostacoli alla crescita economica e alla creazione di posti di lavoro.

La Commissione europea ha organizzato una prima edizione di “EU MED means business – definire il futuro dell’imprenditorialità nel Sud”, il 21 e 22 maggio a Bruxelles, con eventi paralleli a Tunisi (Tunisia), Il Cairo (Egitto), Irdib (Giordania) e Rabat (Marocco). I partecipanti hanno formulato raccomandazioni per i responsabili politici e hanno quindi votato per individuare le loro dodici principali priorità di azione(link is external) in materia di investimenti, imprenditorialità e creazione di posti di lavoro. Tali raccomandazioni contribuiranno ad elaborare i futuri approcci dell’UE, ma saranno anche trasmessi ai responsabili politici della regione da parte della Commissione europea e tramite l’Unione per il Mediterraneo (UpM) e potranno essere aggiornate in futuro. (altro…)

seguici e metti mi piace

Annunciati i 25 vincitori del premio dell’UE per il patrimonio culturale/premio Europa Nostra

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani

european_heritage_award

 

  Oggi la Commissione europea e Europa Nostra, la principale rete europea per   il patrimonio culturale, hanno annunciato i vincitori dell’edizione di   quest’anno del Premio dell’UE per il patrimonio culturale/premio Europa   Nostra, finanziato dal programma Europa creativa dell’UE. I 25 vincitori di 16   paesi sono stati selezionati per i risultati ottenuti nelle categorie:   conservazione, ricerca, dedizione alla causa e istruzione, formazione e   sensibilizzazione.

 

Tibor Navracsics, Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, ha dichiarato: “Il nostro patrimonio culturale è la nostra risorsa comune, un’eredità del passato su cui costruire il nostro futuro. È qualcosa che ci sta a cuore e che ha uno spazio nella vita quotidiana delle persone. È inoltre fondamentale per promuovere un senso di appartenenza. Nel 2018, Anno europeo del patrimonio culturale, questo ruolo importante è stato celebrato, ma è necessario continuare a mantenere alta l’attenzione. Mi congratulo vivamente con i vincitori di quest’anno del Premio dell’UE per il patrimonio culturale/premio Europa Nostra, che con il loro impegno e la qualità del loro lavoro danno il loro prezioso contributo.”

Sarà assegnato un premio speciale per il patrimonio culturale al corpo dei vigili del fuoco di Parigi, che lo scorso aprile ha contribuito a salvare Notre-Dame dalla distruzione completa. La cerimonia di premiazione dei vincitori, organizzata congiuntamente dal Commissario Navracsics e dal Presidente di Europa Nostra, Plácido Domingo, si terrà il 29 ottobre a Parigi durante il congresso annuale sul patrimonio culturale europeo. Maggiori informazioni sui vincitori sono disponibili qui(link).

seguici e metti mi piace

Giornate europee dello sviluppo: giovani leader invitati a discutere di integrazione

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani

development days

  Quindici giovani leader internazionali sono stati selezionati dalla   Commissione europea per dare voce ai giovani durante le giornate europee   dello sviluppo, il più prestigioso forum sulla cooperazione internazionale e lo   sviluppo, che si terrà a Bruxelles il 18 e il 19 giugno 2019.

  Neven Mimica, Commissario per la cooperazione internazionale e lo sviluppo,   ha dichiarato: “Questi giovani leader hanno competenze e professionalità   eccezionali e condivideranno con noi le loro idee sul contributo che la nostra   cooperazione può fornire per ridurre le disuguaglianze. Sono ansioso di   ascoltare il loro punto di vista che sarà certamente illuminante, poiché la nuova   generazione ha nelle proprie mani la chiave per un mondo migliore e più giusto”.
 

I giovani leader, di età compresa fra i 21 e i 26 anni, sono stati selezionati, tra 404 candidati provenienti da 99 paesi, per le competenze, l’esperienza e il contributo attivo alla ricerca di soluzioni a problemi nel campo dello sviluppo e condivideranno le proprie opinioni sulle possibili modalità per affrontare le disuguaglianze e costruire un mondo che non trascuri nessuno: è proprio questo infatti il tema principale dell’edizione 2019 delle giornate europee dello sviluppo.

Maggiori informazioni sul programma dei giovani leader sono disponibili qui.

seguici e metti mi piace

Festival di Cannes 2019: in mostra 20 film sostenuti dal programma MEDIA

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Ue - Giovani
media_banner_600

La 72esima edizione del Festival di Cannes e le sue competizioni parallele, la Quinzaine des réalisateurs e la Semaine de la Critique, presenteranno una ventina di film cofinanziati dal programma MEDIA di sostegno al cinema europeo per un importo totale di 1,5 milioni di euro.

Sono sei i film sostenuti da MEDIA che saranno candidati alla prestigiosa Palma d’oro: Dolor y gloria di Pedro Almodóvar (Spagna), Il traditore di Marco Bellocchio (Italia), Le Jeune Ahmed di Jean-Pierre Dardenne e Luc Dardenne (Belgio), Little Joe di Jessica Hausner (Austria, Regno Unito, Germania), Sorry We Missed You di Ken Loach (Regno Unito) e The Whistlers di Corneliu Porumboiu (Romania, Francia, Germania).

Altri quattordici film sostenuti da MEDIA saranno presentati in diverse selezioni del festival. A margine del festival, il 20 maggio la Commissione europea organizzerà una nuova edizione del Forum del cinema europeo, che avrà come tema centrale i talenti europei e il rafforzamento della creatività, e un dibattito attorno al collettivo “5050 x 2020” sulla parità uomo-donna nel cinema. Altre attività saranno organizzate per discutere delle opportunità e delle sfide nel settore, in particolare una giornata “media meets tech” (martedì 21 maggio) che metterà in contatto alcune start-up innovative e vari investitori.

Inoltre, 10 vincitori del concorso #euFilmContest saranno invitati ad assistere al festival e potranno visitare il Mercato del Film, incontrare professionisti dell’industria cinematografica o assistere alla proiezione di un film selezionato alla Quinzaine des réalisateurs. Maggiori informazioni sul programma MEDIA e un elenco completo dei film sostenuti dall’Unione europea che partecipano al festival quest’anno sono disponibili qui.

seguici e metti mi piace