Ue - Cittadini

I Commissari Gabriel, Schmit e Breton organizzano una tavola rotonda sul patto europeo per le competenze con i rappresentanti dei settori culturali e creativi

Sharing is caring!

skills.jpg

Ieri i Commissari GabrielSchmit e Breton hanno organizzato una tavola rotonda sul patto per le competenze con i rappresentanti dei settori culturali e creativi. La tavola rotonda fa parte di una serie di scambi volti a incoraggiare la partecipazione dell’industria al patto per le competenze.

Annunciato nel contesto dell’agenda europea per le competenze adottata dalla Commissione il 1º luglio 2020, il patto è stato varato il 10 novembre. Il suo obiettivo è mobilitare tutte le parti interessate — partner industriali, sociali, regionali e del settore dell’istruzione — per aiutare i lavoratori a sviluppare le competenze necessarie per una ripresa sostenibile, sociale e resiliente a seguito della pandemia di coronavirus. I partenariati istituiti nell’ambito del patto saranno sostenuti dalla Commissione mediante una piattaforma di partenariato o mediante consulenze sulle opzioni di finanziamento dell’UE.

I settori creativi e culturali sono stati individuati come un importante ecosistema industriale che potrebbe formare un partenariato per le competenze su vasta scala nell’ambito del patto, tenuto conto in particolare del grave impatto della pandemia su tali industrie, degli effetti della trasformazione digitale e delle ricadute su altri ecosistemi come il turismo, nonché del forte coinvolgimento degli attori del settore e dei loro progressi nel quadro dell’alleanza per lo sviluppo del patrimonio culturale.

Il miglioramento delle competenze esistenti e lo sviluppo di nuove competenze sono fattori importanti per la ripresa economica e per la ristrutturazione a lungo termine del settore. L’incontro ha mostrato un forte impegno da parte di tutti a unire le forze per riconvertire e migliorare le competenze di chi lavora nei settori creativi e culturali. I partecipanti hanno sottolineato la necessità di attrarre e trattenere talenti, stimolare la creatività e investire nelle competenze digitali al fine di cogliere i benefici della transizione digitale.

seguici e metti mi piace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *